• slidebg2
    Chi guarda avanti 10 anni pianta alberi.
    Chi guarda avanti 100 anni pianta uomini.
    Proverbio cinese
  • slidebg1
  • video_woman_cover3
  • slidebg1
  • video_woman_cover3

L'Istituto scolastico Ancelle della Carità opera a Palazzolo sull'Oglio sin dal 1886, quando le prime suore assunsero la conduzione dell’orfanotrofio femminile, voluto dal Canonico della parrocchiale don Giuseppe Bettinelli e inizialmente affidato a Caterina Gorini.

Nel corso di un intero secolo l’istituzione si è evoluta costantemente, adeguando il carattere della propria offerta formativa alle esigenze della società in continua evoluzione. Per questo, dopo l’apertura della Scuola Materna (1902) e della Scuola Elementare (1908), si è giunti nel 1953 all’attivazione di un corso di Avviamento Commerciale, che ottiene l’autorizzazione del Provveditorato agli Studi di Brescia nel 1957 e che si trasforma in Scuola Media Legalmente Riconosciuta nel 1963. Lo stesso anno viene legalmente riconosciuto l’Istituto Professionale per il Commercio attraverso il quale si radica, nel tessuto sociale palazzolese, la presenza della scuola.
Nell’intento di adeguare la preparazione dei giovani alla richiesta emergente di una formazione linguistica e di competenze professionali specifiche nel contesto di una cultura più articolata, nasce nel 1993 l'Istituto Tecnico Periti Aziendali Corrispondenti in Lingue Estere, Progetto Ministeriale Assistito E.R.I.C.A. (Educazione alla Relazione Interculturale nella Comunicazione Aziendale) che ha concluso il suo corso nel 2008.

PTOF Scuola dell'Infanzia

La scuola dell’infanzia concorre, nell’ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità dei bambini dai tre ai sei anni di età.

Approfondisci

PTOF Scuola Primaria

L’attività didattica si svolge in cinque giorni settimanali, dal lunedì al venerdì. La nostra scuola, introduce nella propria offerta culturale il principio delle ore Opzionali/Facoltative.

Approfondisci

PTOF Scuola Secondaria I

La Scuola Secondaria di I grado ha scelto di attuare la settimana corta che prevede la frequenza scolastica dal lunedì al venerdì con 2 rientri pomeridiani.

Approfondisci

controlla la tua email per confermare l'iscrizione

seleziona la scuola di tuo interesse

Registro Elettronico

Clicca sul link sottostante per accedere al registro elettronico della nostra scuola.

Accedi

Iscrizioni

Le iscrizioni si ricevono entro gennaio, precedute da un colloquio con la Coordinatrice di Istituto.

Approfondisci

Contatti

Contatta la scuola per avere maggiori informazioni o per fissare un appuntamento.

Contattaci!

School of Excellence

1. Apprendere la nuova lingua in modo similare ai processi di acquisizione del linguaggio.
II bambino inizia a conoscere il mondo ed impara a parlare all’interno di esperienze di carattere ripetitivo condivise con l'adulto; i format sono appunto, quei «vissuti» che madre e bambino condividono quotidianamente. In tale contesto, significativo sul piano emozionale e affettivo, si sviluppa la comunicazione verbale.
2. Realizzare tecniche di insegnamento di carattere operativo e interattivo, coerenti con i processi di acquisizione del linguaggio.
Premessa per l'insegnamento/apprendimento della lingua è creare una condizione ambientale favorevole, denotata da un rapporto affettivo e di complicità che motivi il desiderio comunicativo. Ilbambino inizia a parlare perché vuole essere capito e comunicare con la persona con la quale è statainstaurata un'interazione affettiva; questo avviene per la prima lingua e analogamente deve avvenireper la nuova lingua.
3. Porre la buona comunicazione al centro dell'insegnamento/apprendimento della nuova lingua.
La realizzazione teatrale di storie, con il supporto della gestualità e della mimica, permette che il significato delle parole e delle frasi venga appreso attraverso un lavoro attivo, ove l'azione scenica dà senso al suono delle parole e la alla nuova lingua diventa concretamente lingua veicolare.

Quando nel conoscere non è implicito un conoscersi, in fatto di cultura si va verso l'ammobiliarismo mentale.
L. Stefanini